Polonia: la magia dei castelli

Tutta la regione della Slesia è ricca di castelli e uno degli itinerari turistici più celebri è proprio l’Itinerario dei Nidi d’Aquila

Redazione TiDPress

Il Palazzo di Wilanow

Il Palazzo di Wilanow

Il Castello di Ksiaz

Il Castello di Ksiaz

In Polonia anche i ruderi hanno un fascino particolare. Come quello dell’imponente palazzo vicino a Kopice (Alta Slesia). Qui si è svolta la romantica e fiabesca storia di Joanna Gryczik, la cosiddetta “Cenerentola” polacca. Il palazzo esisteva probabilmente dalla seconda metà del Trecento, ma è stato ricostruito in stile neoclassico nel Settecento. È stato residenza di famiglie aristocratiche, fino a quando l’ha acquistato l’industriale e miliardario Karol Godula. Non avendo eredi, Karol decise di lasciare i suoi averi alla piccola Joanna Gryczik, pupilla della sua domestica. Joanna diventa così la proprietaria di terreni e di una miniera di zinco e una volta adulta riesce a gestire il patrimonio e a fare vantaggiosi investimenti. Joanna sposa un nobile senza soldi e vive con lui felice e contenta come nelle favole vere.

Tutta la regione della Slesia è ricca di attrazioni di questo tipo e uno degli itinerari turistici più celebri in Polonia è proprio l’Itinerario dei Nidi d’Aquila. Lungo 163,9 km, l’itinerario abbraccia il territorio compreso tra Cracovia e Częstochowa e deve il suo nome ai castelli e alle rovine posti lungo il percorso sulle colline, in mezzo alle rocce calcaree del Parco Naturalistico della Jura dell’Altopiano di Cracovia-Czestochowa. Oltre ai castelli, come quello di Ogrodzieniec, di Olsztyn, di Bobolice e di Mirow si possono ammirare antiche chiese e parchi naturalistici che rendono l’itinerario molto pittoresco.

Palazzo a Kopice

Palazzo a Kopice

Il Castello di Rydzyna

Il Castello di Rydzyna

La vera e propria “perla della Slesia” è il Castello di Książ una tra le più grandi fortificazioni medievali della Polonia. Costruita nel XIII secolo ha cambiato spesso padroni e subito varie ricostruzioni, ma il suo fascino è rimasto invariato. Diversi itinerari portano alla scoperta degli interni del castello (quello sulle orme della duchessa Daisy, quello Barocco o il percorso storico che comprende anche la visita notturna). Nel castello è possibile pernottare in eleganti camere. I dintorni del castello sono particolarmente attraenti. La fortezza spicca in cima a una collina ricoperta dagli alberi della foresta del Parco Paesaggistico di Książ. Anche la vicina città di Wałbrzych merita una visita. La bellezza degli edifici denota a tratti forti influenze tedesche, come nella Piazza del Mercato con il Palazzo del Comune e il Tribunale.

Tra i verdi campi della regione di Wielkopolska, ecco il castello barocco di Rydzyna. È stato edificato nel XVII secolo sui resti di un antico castello gotico e ricostruito dopo la Seconda Guerra Mondiale. L’Hotel Zamek Rydzyna all’interno del castello permette un soggiorno da fiaba in eleganti camere con mobili classici. I grandi saloni affrescati raccontano lo sfarzoso passato del castello che è anche sede di numerosi eventi come quello del Raduno dei Veicoli Storici o il corteo storico de “Il Ritorno del Re”.

Ente Nazionale Polacco per il Turismo      www.polonia.travel/it

Pubblicato il 07-09-2020

Categorie: Racconti di viaggio | Tags:

Riproduzione riservata © Copyright TidPress per Terre d’Europa.
Video Racconti
Foto racconti







Regioni d’Europa