Autunno in Carinzia

Ospitalità italiana nel cuore verde dell’Austria: l’Hotel zum Widitscher a Sirnitz. Ad un’ora di auto da Tarvisio, dopo aver costeggiato le rive del romantico Wörthersee, tra boschi e pascoli di montagna color pastello, si entra nel mondo incantato di una favola, popolata di fate ed elfi.

Testo e foto: Paolo Gianfelici

Il Castello di Strassburg Click sulla foto per ingrandire

Il Castello di Strassburg
Click sulla foto per ingrandire

Sirnitz – C’è un luogo, nel cuore verde della Carinzia, dove si può trascorrere una piacevole vacanza in un’atmosfera italiana, coccolati dalle premure di una famiglia di albergatori di Riccione. I Pozzo, moglie, marito e sorella, da un anno si sono trasferiti in Austria per gestire l’Hotel zum Widitscher a Sirnitz.

Dopo un’ora di auto da Tarvisio, dopo aver costeggiato le rive di un romantico lago (il Wörthersee) e attraversato boschi e pascoli di montagna color pastello, si ha la sensazione di essere approdati nel mondo incantato di una favola, popolata di fate ed elfi. L’Italia è vicinissima, ma sembra tanto lontana. Per cui lo stupore è grande quando, entrando nell’Hotel zum Widitscher, dallo stile architettonico e arredamento carinziano, si è accolti con la simpatia e il calore della cadenza romagnola. E non solo si comunica, ma anche si mangia italiano, grazie allo chef triestino, apparentemente taciturno, disponibile ad accontentare i desideri dei clienti e a conversare con loro sui buoni cibi di una volta.
L’atmosfera generale è quella aperta, cordiale, allegra, piacevole, efficiente di un buon albergo a gestione familiare. Le camere sono grandi e comode. L’area wellness attraente. L’ideale per il soggiorno di una famiglia italiana che vuole esplorare il territorio.

Il duomo di Gurk Click sulla foto per ingrandire

Il duomo di Gurk
Click sulla foto per ingrandire

D’autunno in Carinzia le belle giornate sono ancora molte. Le passeggiate a piedi o in bicicletta, sulle montagne che circondano Sirnitz, riempiono d’energia il corpo e la mente. L’aria è purissima e profumata di pino. Il fruscio del vento, attraverso i rami degli alberi, fa da accompagnamento al silenzio pieno di vita della natura.
Lungo la strada si fa una sosta in un locale per ammirare le bellissime livree rosa e dorate delle trote appena pescate dalle acque cristalline dei laghetti e poi per mangiarle, cotte al forno o in padella con le erbe aromatiche di Carinzia.

La natura è la regina a Sirnitz in tutte le stagioni, inverno compreso, quando il paese si trasforma in una della principali stazioni di sci della Carinzia.  Ci sono due luoghi nelle vicinanze che vanno assolutamente visitati per il fascino intenso che emanano: la cattedrale di Gurk e la città medievale di Friesach. Si percorre la valle del fiume Gurk, tra pascoli e boschi, in un ambiente naturale idilliaco, quando all’improvviso appare la mole solitaria, imponente, del più importante monumento di arte romanica dell’Austria: il duomo di Gurk. Le due torri e la facciata, costruite in pietra calcarea e ferrosa, riflettono sotto i raggi del sole uno strano luccichio giallo-oro. Tra il duomo e le mura dell’ex-convento benedettino sul prato è cresciuto un gigantesco albero che sembra voler rivaleggiare in altezza con la chiesa.

Friesach Click sulla foto per ingrandire

Friesach
Click sulla foto per ingrandire

Si prosegue in direzione di Friesach e prima di entrare in città, una sosta per fare un’esperienza straordinaria. Quella di visitare un vero cantiere medievale dove si sta costruendo da dieci anni ( e si continuerà per altri quaranta) un piccolo castello. Non è un gioco, né uno spettacolo (sarebbero troppo lunghi!), ma un progetto finanziato dall’Unione Europea. Alcune decine di persone, vestite con tuniche bianche impolverate, si muovono indaffarate: un fabbro, uno scalpellino, due falegnami alle prese con una mastodontica sega medievale. Due giovani donne guidano un imponente, bellissimo, cavallo nero che traina un carretto colmo di pietre che servono ad una squadra di muratori. Non si tratta di figuranti, ma di gente che viene qui ogni mattina a lavorare, utilizzando solo la tecnica delle costruzioni del Medio Evo.
Si arriva nel centro di Friesach. Giro della città lungo l’antico fossato che affianca le mura: il ponte di legno, la ruota della fortuna, lo scorrere dell’acqua nel canale, la chiesa dei Domenicani, i cespugli di rose che fioriscono qua e là. L’atmosfera è silenziosa e profumata: una segreta brezza medievale avvolge le persone e le cose.

Hotel zum Widitscher a Sirnitz Click sulla foto per ingrandire

Hotel zum Widitscher a Sirnitz
Click sulla foto per ingrandire

Informazioni utili

L’Austria per l’Italia Hotels è un’associazione che raggruppa alberghi su tutto il territorio austriaco particolarmente attenti agli ospiti italiani.
www.vacanzeinaustria.com
Per informazioni e prenotazioni
info@vacanzeinaustria.com
Numero verde dall’Italia
800 – 977492
Dall’estero:
0043-1-8904371

Hotel zum Widitscher a Sirnitz  Click sulla foto per ingrandire

Hotel zum Widitscher a Sirnitz
Click sulla foto per ingrandire

 

 

Hotel zum Widitscher
Leonhardstrasse 2
A 9571 Sirnitz
www.hotel-widitscher.com

Ente del Turismo della Carinzia
www.carinzia.at

 

 

 

 

Pubblicato il 01-11-2015

Categorie: Racconti di viaggio | Tags: , ,

Riproduzione riservata © Copyright TidPress per Terre d’Europa.
Video Racconti
Foto racconti