Un castello si racconta

TidPress

I giardini del Belvedere Click sulla foto per ingrandire

I giardini del Belvedere
Click sulla foto per ingrandire

Bianco, aggraziato e barocco, affacciato su un giardino incantevole con aiuole, fontane e una vista stupenda sulla città di Vienna, il Belvedere è innanzitutto un luogo esteticamente bello, nel quale ci si reca sempre volentieri per una visita. La sua storia è affascinante quanto il suo aspetto esteriore e conoscerne le linee guida lo rende ancora più attraente. Il Principe Eugenio di Savoia (1663 – 1736) che fece costruire i due castelli che compongono l’insieme, quello superiore e quello inferiore, diede incarico all’architetto Johann Lucas von Hildebrandt di realizzare la sua residenza estiva a Vienna nel 1717. Il principe che aveva un innato talento per le strategie vincenti in guerra cominciò la sua brillante carriera militare alla corte di Leopoldo I, a soli vent’anni. Tra una campagna militare e l’altra Eugenio, che non era di certo un bell’uomo, immagina questo luogo ricco di armonia, colleziona arte e riesce a rendere le guerre anche un modo per conoscere altre culture. Un personaggio particolare, intelligente e illuminato che si preoccupa dei suoi soldati anche quando è lontano dalle battaglie e a cui piace il bello. I castelli che ha lasciato a Vienna sono lo specchio di queste sue particolarità: ricco di stucchi, affreschi e ori, il Belvedere Superiore è diventato il contenitore delle collezioni imperiali già ai tempi di Maria Teresa e Giuseppe II., mentre nel castello inferiore (dal punto di vista del posizionamento) la Galleria Moderna fu aperta nel 1903. Erano gli anni del movimento artistico della Secessione e nel Belvedere trovarono ben presto casa opere fondamentali come “Il bacio” di Gustav Klimt”.

 “Il bacio” di Gustav Klimt Click sulla foto per ingrandire

“Il bacio” di Gustav Klimt
Click sulla foto per ingrandire

Da questo concentrato d’arte e di bellezza è facile lasciarsi affascinare e le iniziative che ruotano intorno al museo sono tante. Il 22 ottobre verrà inaugurata nel Belvedere Inferiore la mostra dal titolo “Klimt/Schiele/Kokoschka e le donne”. Un viaggio visivo in un momento di cambiamento della società e delle modalità di comportamento morale. I tre artisti interpretano in maniera diversa queste transizioni. Klimt era molto amato dalle signore della società viennese, ma nei suoi quadri la personalità dei soggetti quasi sparisce tra gli ori e gli ornamenti. Schiele o Kokoschka svuotano invece le scene intorno alle donne che ritraggono e le riempiono di atmosfere psicologicamente difficili. Un’occasione speciale per vedere o rivedere il Belvedere, gustarne i tesori e lasciarsi coinvolgere dalle storie che ogni suo angolo sa raccontare.

Informazioni utili:
www.belvedere.at

Ente per il turismo di Vienna
www.vienna.info

Austria Turismo
840999919
vacanze@austria.info
www.austria.info

Pubblicato il: 13-12-2015

Categorie: News | Tag: Tags: , ,

Riproduzione riservata © Copyright TidPress per Terre d’Europa.
Video Racconti
Foto racconti