Il fascino di Altilia-Saepinum

Un mix tra l’area archeologica monumentale e il villaggio rurale

Foto: Paolo Gianfelici

Un leggera nebbiolina avvolge il teatro del I secolo, il complesso termale, la basilica romana e il quartiere delle abitazioni private di epoca augustea, ma anche gli altri edifici, longobardi, medievali,  fino a quelli dell’Ottocento. Perché Sapinum, salvo alcuni periodi durante le invasioni barbarica, è stata in parte sempre abitata come villaggio rurale . E questo le conferisce un fascino, una vitalità particolare, che le aree archeologiche disabìtate da millenni non hanno. Mi raccontano che fino a pochi anni fa le greggi pascolavano tra le rovine romane. E se non ci sono più le pecore sono rimasti i prati, le querce secolari e gli edifici rurali di un passato recente.

Pubblicato il 17-12-2019

Categorie: Foto racconti | Tags:

Riproduzione riservata © Copyright TidPress per Terre d’Europa.
Video Racconti
Foto racconti







Regioni d’Europa